Pagina 1 di 1

Oggi giova davvero l'italianità del marchio Alfa Romeo?

Messaggio da leggereInviato: 24/05/2013, 17:01
da Pilota54
Riporto il testo del titolo e del primo mio post di un nuovo topic che ho aperto sul forum di "Quattroruote.it", del quale sono moderatore, per sapere cosa ne pensate:

Sono sempre stato un sostenitore del mantenimento dell'italianità dell'ancora prestigioso marchio Alfa Romeo. Ho sempre pensato, almeno fino a qualche mese fa, che fosse necessario, utile e appropriato che proprietaria di uno dei brands automobilistici più famosi del mondo restasse la Fiat.

Oggi però tale ferrea convinzione comincia a vacillare, e comincio a pensare che se l'Alfa venisse venduta a un gruppo straniero non sarebbe la fine del mondo, anche per noi appassionati.

Mi vengono alla mente alcuni brands che oggi vivono molto bene e soprattutto mantengono le connotazioni del passato pur non avendo mantenuto la proprietà originaria, nemmeno come nazionalità. Penso a Lamborghini, a Bentley, a Lotus, ad Aston Martin. Nessuno può dire che le attuali vetture di questi marchi non abbiano le caratteristiche che gli appassionati si aspettano da loro. La Lotus Vi sembra una vettura "malese"? Credo che non possa essere più "Lotus" di quanto lo è oggi, pur con un motore Toyota. La Lambo non è sempre la stessa Lambo? Il lusso e la classe delle Bentley sono inferiori e quanto abbiamo visto in passato? No. E' vero, magari queste vetture montano componenti condivisi con altre dello stesso gruppo, ma è il prezzo delle sinergie. L'importante è che le connotazioni fondamentali, quelle che hanno generato il successo di un brand, vengano mantenute, e che i nuovi modelli vedano la luce, che non rimangano anni nei cassetti (anche la Lotus in realtà sta pagando questa lentezza nel presentare novità).

E allora perché l'Alfa, sotto altra proprietà, non dovrebbe tornare all'eccellenza di un tempo? Non vedo perché. E' vero, anche a me onestamente risulterebbe antipatico se diventasse di proprietà VW, ma potrebbe anche comprarla qualcun altro, perché no, magari la Porsche, anche se sempre gruppo VW sarebbe.

Oggi, a parte la 4C, non si vede, nemmeno all'orizzonte, una seria programmazione specifica e i segmenti in cui l'Alfa si trova attualmente non sono certo i più graditi agli alfisti. Non si parla affatto di una coupè 2+2, non si sa nulla della famigerata "Giulia", il SUV se ci sarà potrà essere solo una copia di un Kerokee o di una 500XL e la segmento E, se e quando arriverà, sarà una Maserati.

E allora io dico "sveglia" a chi ama davvero la resurrezione dell'Alfa, a chi nel gruppone ci crede DAVVERO, impegnatevi veramente per il rilancio di una marchio dal fascino immortale, oppure che l'Alfa sia pure venduta e non se ne parli più.

Re: Oggi giova davvero l'italianità del marchio Alfa Romeo?

Messaggio da leggereInviato: 24/05/2013, 19:43
da tony-gt
Concordo pienamente con il tuo pensiero, invece di veder spegnere la fiamma pian piano preferirei che questa fiamma fosse alimentata da un'altra fonte. Anche se l'alfa passasse in mano ai tedeschi dubito che la gestirebbero come una brutta copia del marchio Wv rifilandoci una golf con lo stemma Alfa. Sarebbe controproducente fare un simili investimento, non porterebbe nessun frutto, non avrebbe senso snaturare il Dna Alfa Romeo, d'altronde il Dna Lamborghini non mi sembra sia stato snaturato cosi tanto come non è cambiato il Dna della Ducati da quando è stata acquistata.

Re: Oggi giova davvero l'italianità del marchio Alfa Romeo?

Messaggio da leggereInviato: 25/05/2013, 11:48
da Pilota54
Infatti, come ho detto prima per me la cosa veramente importante è che le connotazioni delle vetture siano coerenti con la tradizione del marchio, e che rimanga almeno una fabbrica in Italia.

Secondo uno dei tanti piani industriali presentati la Giulia doveva uscire quest'anno, invece ora si parla di 2016. Del SUV non si sta più parlando, non si parla per nulla di una coupè più "umana" della 4C (insomma, l'erede della GTV e della Brera), l'ammiraglia lo stesso AD Wester l'ha data di recente ancora in forse. La Mazda-Alfa è ancora in una fase embrionale di progettazione e intanto le vendite a marzo e aprile sono calate di oltre il 30%. Penso che la pazienza degli alfisti abbia un limite.

Dicano cosa hanno veramente in progetto per il marchio automobilistico italiano ancora oggi più famoso nel mondo dopo Ferrari.

Re: Oggi giova davvero l'italianità del marchio Alfa Romeo?

Messaggio da leggereInviato: 25/05/2013, 14:58
da tony-gt
Di sicuro punteranno su un mini Suv, sono sicuro che sarà la prossima cosa che vedremo perchè in casa Alfa sono convinti che per adesso il mercato richieda questo :doh:

Re: Oggi giova davvero l'italianità del marchio Alfa Romeo?

Messaggio da leggereInviato: 30/05/2013, 18:14
da Pilota54
Su Quattroruote di giugno il direttore Carlo Cavicchi dice che la prossima Alfa sarà la 169 (nome provvisorio). E' già pronta e a suo dire bellissima (pare che l'abbia già vista), ma manca ancora il via libera per i costi di produzione. Sembra che sarà presentata nel 2014.

Re: Oggi giova davvero l'italianità del marchio Alfa Romeo?

Messaggio da leggereInviato: 30/05/2013, 18:38
da tony-gt
Pilota54 ha scritto:Su Quattroruote di giugno il direttore Carlo Cavicchi dice che la prossima Alfa sarà la 169 (nome provvisorio). E' già pronta e a suo dire bellissima (pare che l'abbia già vista), ma manca ancora il via libera per i costi di produzione. Sembra che sarà presentata nel 2014.

interessante, per sbilanciarsi cosi mi sa che allora possiamo sperare bene =D

Re: Oggi giova davvero l'italianità del marchio Alfa Romeo?

Messaggio da leggereInviato: 30/05/2013, 19:30
da cogi
Forse l'aver aspettato tanto ci ripagherà a breve, per cui, in questo momento e giunti sin qui dopo aver tanto atteso, il marchio a mio parere deve rimanere di proprietà italiana, sono campanilista. Vedere dell R8 che utilizzano componentistica Lamborghini mi fa un poco girare le p...e, per cui è il caso di dire basta ai tedeschi.

Re: Oggi giova davvero l'italianità del marchio Alfa Romeo?

Messaggio da leggereInviato: 11/06/2013, 16:59
da Pilota54
Anche il noto sito "Autoedizione" parla della 169 come prossima Alfa Romeo, che dovrebbe in realtà chiamarsi 6C e sarà costruita sulla piattaforma "Maserati Ghibli". Bellissima la linea ipotizzata. Sembra che possa davvero essere presentata nel 2014 e costruita a Grugliasco, quindi non è lontana.

La vendita del marchio quindi appare sempre improbabile.

Re: Oggi giova davvero l'italianità del marchio Alfa Romeo?

Messaggio da leggereInviato: 19/08/2013, 13:08
da Xenos
Vi dirò che a me il modo in cui vengono prodotte le alfa non dispiace, se non sentissi scricchiolii sulla mia alfa non la riconoscerei :D al di la di questo il problema è solo a livello gestionale, ma per quanto riguarda la parte meccanica secondo me non c'è da invidiare a nessuno e lo dico perchè mi è stata fatta lezione all' università dai progettisti del TCT e dal responsabile della dinamica del veicolo di Fiat Chrysler che ci ha svelato un po di trucchi. Poi bisogna vedere quanto effettivamente VW differenzierebbe perchè è vero che con lamborghini si sbilancia, ma è anche vero che lamborghini fa supercar e che un' altro marchio all' interno del gruppo che fa auto di quel segmento non c'è.

Re: Oggi giova davvero l'italianità del marchio Alfa Romeo?

Messaggio da leggereInviato: 05/09/2013, 19:37
da Pilota54
Per me il problema non risiede nella qualità delle vetture e dei motori, che sono ancora su un buon livello (anche se dobbiamo parlare di concorrenza più generalista che premium, ammesso che questa dicotomìa sussista ancora), ma di GAMMA. La gamma è davvero all'osso e nel breve non si vede nulla a parte la elitaria 4C.

Che si sbrighino a lanciare la 169 o come si chiamerà, la Giulia, il SUV e l'Alfa Mazda. Se poi non uscirà una coupè 2+2 la Brera sarà certamente la mia (7a e) ultima Alfa Romeo. Terrò comunque a vita il GTV.